UFFICIALE - Condannati gli ex agenti di Insigne: squalifica di sei mesi per entrambi!

Redazione » Varie6 DIC 2018 ORE 20:05

Oggi la Commissione Procuratori Sportivi ha emanato la sentenza che condanna entrambi a sei mesi di squalifica.

Come riferisce Gazzetta.it continua il braccio di ferro tra i fratelli Insigne e gli ex agenti Ottaiano e Andreotti. Oggi la Commissione Procuratori Sportivi ha emanato la sentenza che condanna entrambi a sei mesi di squalifica.

I FATTI — Gli Insigne si sono rivolti alla Commissione in relazione a una lettera inviata dalla Doa Management il 12 febbraio 2018 dove veniva comunicato il cambio di rappresentanza legale da Antonio Ottaiano a Fabio Andreotti in concomitanza con la precedente squalifica di Ottaiano. Rigo e Diana, gli avvocati di Lorenzo e Roberto Insigne, hanno avuto ragione nel procedimento con gli ormai ex agenti dei giocatori (con cui intanto è in corso un'altra causa civile). La Commissione ha deliberato che l'azione era mirata a "eludere la precedente sanzione". Ora, la nuova squalifica non colpisce solo Ottaiano ma anche il socio Andreotti e va estesa alla Doa Management e al suo rappresentante pro tempore.

Potrebbe interessarti
Ultimissime notizie
Chiariello: "Cederei Allan per 80 milioni e prenderei due calciatori: dove si firma?"Roma tra liti ed infortuni: due big salteranno la sfida col Napoli, brutta tegola per Ranieri"È lento, inadatto al calcio italiano". Sapete quanto costò Callejon al Napoli?
UFFICIALE - L'Albania ha esonerato Panucci! Sarà sostituito da un altro allenatore italianoPedullà: "Circolano notizie false su Sarri. De Laurentiis ha tempestato di telefonate..."IL MATTINO - Sospiro di sollievo per Ancelotti: Ospina sta meglio e sarà disponibile per la Roma
Questo sito usa cookie di prime e terze parti a fini statistici, tecnici e, previo tuo consenso, di profilazione, per proporti pubblicità in linea coi tuoi interessi. Leggi le informative sulla privacy e sui cookie. Cliccando "OK" o scrollando la pagina accetti l'uso dei cookie e la nostra privacy policy.