Juventus, scandalo ultras! Arrestati in 12 per violenza ed estorsione: "Capillare strategia criminale"


Redazione
Varie
16 SET 2019 ORE 08:42

Nell'indagine, scaturita da una denuncia della società bianconera e coordinata dalla Procura di Torino, il gip ha emesso dodici misure cautelari.

Scandalo nel mondo Juventus, arrestati i capi ultras della squadra bianconera, durante un blitz della Polizia scattato all'alba nell'ambito dell'operazione denominata 'Last Banner'. Avrebbero messo in piedi una "capillare strategia criminale" per ricattare la società bianconera dopo che questa aveva deciso di interrompere una serie di privilegi concessi ai gruppi ultras. Nell'indagine, scaturita da una denuncia della società bianconera e coordinata dalla Procura di Torino, il gip ha emesso dodici misure cautelari. I destinatari sono accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere, estorsione aggravata, autoriciclaggio e violenza privata. 

Coinvolti i leader e i principali referenti dei gruppi del tifo organizzato juventino dei "Drughi", di "Tradizione-Antichi Valori", dei "Viking", del "Nucleo 1985" e di "Quelli.. di via Filadelfia" . In corso anche 39 perquisizioni in diverse città italiane. In azione la Digos di Alessandria, Asti, Como, Savona, Milano, Genova, Pescara, La Spezia, L'Aquila, Firenze, Mantova, Monza, Bergamo e Biella, nei riguardi di 37 fra i principali referenti dei gruppi ultras in questione (ed anche del "N.A.B. - Nucleo Armato Bianconero"), che risultano indagati nell'ambito della stessa inchiesta. Ulteriori aggiornamenti alle 11.30, nel corso della conferenza stampa in programma presso la Procura di Torino. 

Le indagini dei poliziotti della Digos, durate oltre un anno, sono scaturite da una denuncia sporta dalla Juventus che ha consentito al Gruppo Criminalità Organizzata della Procura di Torino di acquisire "incontrovertibili elementi probatori" in merito ad una "precisa strategia estorsiva" attuata dai leader dei principali gruppi ultras bianconeri nei confronti della società calcistica.  L'interruzione, alla fine del campionato 2017/18, di alcuni privilegi concessi ai gruppi ultras ha infatti determinato, spiegano gli investigatori, sin da subito, una "reazione" dei leader storici che, hanno definito una "capillare strategia criminale" per "ripristinare" quei vantaggi soppressi ed affermare nuovamente la posizione "di forza" nei riguardi della società bianconera. Gli inquirenti hanno accertato la capillare attività dei "Drughi" per recuperare centinaia di biglietti di accesso allo stadio per le partite casalinghe della Juve, avvalendosi di biglietterie compiacenti sparse su tutto il territorio nazionale.

Potrebbe interessarti
 
Ultimissime notizie
Ag. Jorginho: "Ha il cuore italiano, tornerà in Serie A! Quando vai alla Juventus..."Malfitano: "Ancelotti aveva pensato un Napoli diverso con James. La verità sul rapporto con ADL"
Callejon e Mertens vogliono essere premiati: Josè non accetterà! La strategia del NapoliMacedonia, parla il ct Angelovski: "Che colpo del Napoli! Ha preso un vero e proprio diamante!"
Pavan: "Juventus, arrivano le confessioni di Fabio Paratici! Sentito cosa ha detto?"Hysaj, l'agente: "Roma? È nell'interesse di tutti. Problema alle costole, tra 15 giorni è pronto"
Questo sito usa cookie di prime e terze parti a fini statistici, tecnici e, previo tuo consenso, di profilazione, per proporti pubblicità in linea coi tuoi interessi. Leggi le informative sulla privacy e sui cookie. Cliccando "OK" o scrollando la pagina accetti l'uso dei cookie e la nostra privacy policy.