Folle idea per l'Argentina, si pensa a Pep Guardiola per il dopo Sampaoli!

Redazione » Nazionale4 LUG 2018 ORE 21:43

All'attuale tecnico del Manchester City verrebbe offerto un contratto di quattro anni (fino al termine dei Mondiali in Qatar) con ingaggio di 12 milioni di euro annui.

Un grandissimo nome per il dopo Sampaoli, il cui destino sulla panchina dell'Argentina sembra segnato dopo l'eliminazione agli ottavi dei Mondiali e le roventi polemiche per alcune scelte di formazione. Secondo quanto riferito da Pablo Cecchini, giornalista del quotidiano argentino TN Deportivo, la Federazione Albiceleste starebbe pensando addirittura a Pep Guardiola.

All'attuale tecnico del Manchester City verrebbe offerto un contratto di quattro anni (fino al termine dei Mondiali in Qatar) con ingaggio di 12 milioni di euro annui. L'imponente stipendio verrebbe pagato da Torneos, emittente televisiva proprietaria dei diritti TV della Nazionale fino al 2030.

Al di là del fatto che l'Argentina prima dovrebbe 'liberarsi' di Sampaoli (legato alla Seleccion fino al 2022), appare ai limiti dell'impossibile un addio di Guardiola ai Citizens mentre appare decisamente più probabile la pista Ricardo Gareca, commissario tecnico del Perù.

Fonte: premium sport hd

Ti potrebbe interessare
Ultimissime notizie
Che lezione di stile di Gattuso: "Non mi sentirete infamare Higuain! Se parlo male è perchè..."Sentite Di Marzio: "Allan come De Rossi. Fabian? La cravatta gialla va solo sul vestito blu"Milan, Maldini: "Piatek non è Shevchenko. Paquetà? Dimenticate che è arrivato dal Brasile. Higuain..."
El Kaddouri: "La mia su Napoli-Torino. Hamsik top al mondo! Sarri? Critiche esagerate. L'Europa League..."Atalanta, Gasperini incredulo: "Eravamo in completo controllo, poi Piatek ha spaccato tutto"Chiariello: "Hamsik, il rumore del silenzio: ricordate Scirea? Marek e Icardi sono Zenit e Nadir"
Questo sito usa cookie di prime e terze parti a fini statistici, tecnici e, previo tuo consenso, di profilazione, per proporti pubblicità in linea coi tuoi interessi. Leggi le informative sulla privacy e sui cookie. Cliccando "OK" o scrollando la pagina accetti l'uso dei cookie e la nostra privacy policy.