Perillo: "Questa storia va avanti dal primo giorno di ADL: chi ha ragione? Cinque frecce in più"

Redazione » Interviste10 AGO 2018 ORE 13:16

Il giornalista Rai ha espresso alcune interessanti considerazioni nel corso del suo intervento odierno.

Antonello Perillo ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio CRC nel corso della trasmissione Si gonfia la rete:  "Questa storia dello stadio va avanti dal primo giorno in cui Aurelio De Laurentiis ha preso in mano il Napoli; difficile dire chi abbia ragione tra il club ed il comune, la situazione è complicata. Questo Napoli ha qualcosa in più, ma anche qualcosa in meno rispetto all'anno scorso. Mi aspetto qualcos'altro per colmare il gap.

Maurizio Sarri non me ne voglia, ha fatto un miracolo calcistico, ma Carlo Ancelotti ha un curriculum che parla per lui. Inoltre, a differenza di Sarri, Ancelotti non ha un solo schema e non cerca solo la bellezza ideale: è più pratico, è pronto a modificare anche gli schemi a gara in corso. Ci sono più frecce all'arco: almeno quattro in più, e mi riferisco ad Adam Ounas, Amin YounesSimone Verdi e Roberto Inglese. La quinta può essere sicuramente Arek Milik".

Ti potrebbe interessare
Ultimissime notizie
Feltri: "Piatek e Sanabria, Giochi Preziosi. Il doppio affare del Genoa, c'è molto da imparare"GAZZETTA - Inter e Milan pronte ad insidiare la Juve! Napoli quinto nel bilancio, gap difficile da colmareFOTO - Hamsik si allena con il Dalian, la faccia di Marek dice tutto! Si è già pentito?
Varriale: "Ecco perchè il Napoli di De Laurentiis ha perso credibilità nei tifosi. Hamsik scaricato""Ritroviamo cattiveria sotto porta", discorso di Ancelotti a Castel Volturno. Due giocatori nel mirino"No alla Juve!", monta una clamorosa protesta dei tifosi sui social: "Serie A truccata, il San Paolo sarà deserto"
Questo sito usa cookie di prime e terze parti a fini statistici, tecnici e, previo tuo consenso, di profilazione, per proporti pubblicità in linea coi tuoi interessi. Leggi le informative sulla privacy e sui cookie. Cliccando "OK" o scrollando la pagina accetti l'uso dei cookie e la nostra privacy policy.