Stai bloccando la pubblicità?
La pubblicità è il nostro unico mezzo di finanziamento: senza pubblicità non possiamo lavorare per produrre contenuti che tu puoi leggere GRATIS. Per favore, metti AreaNapoli.it in white-list. Ti ringraziamo in anticipo.

Baroni: "Fiorentino con Napoli nel cuore. Macchina da guerra, ho la chiave per Ancelotti"

Scritto da Redazione in Interviste14 SET 2018 ORE 15:16

L'ex calciatore del Napoli, oggi allenatore, è intervenuto quest'oggi ai microfoni di Radio Marte nel corso della trasmissione Si gonfia la rete.

Marco Baroni ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso di Si gonfia la rete, trasmissione di approfondimento sui temi caldi in casa partenopea e non solo, in onda sulle frequenze di Radio Marte. Queste le sue considerazioni: "Sono nato a Firenze, ma ho Napoli nel cuore. In Campania ho vissuto benissimo con la famiglia ed ho collezionato emozioni uniche e irripetibili. Il Napoli di Maurizio Sarri? Era una macchina da guerra, sapeva bene cosa fare in campo e, non a caso, sono andati in crescendo. Il Napoli poteva fare solo quel calcio lì, ma ora Carlo Ancelotti può trovare la chiave per fare un campionato importante".

"Troppi gol subiti nelle prime giornate? Bisogna fare un lavoro diverso, quello di Sarri è irreplicabile, certosino, ma non si vince solo con quello. La chiave è limitare le ripartenze degli avversari. Difficile dire come, ma c'è da soffermarsi sul fatto che, quando si cambia, è dura. A me è capitato di ereditare squadre vincenti come Novara o Benevento, la chiave è fare dei cambiamenti in linea col tuo credo. Sembrerebbe assurdo continuare su una strada se non è più percorribile. Ancelotti troverà gli equilibri giusti, gli stessi calciatori vorranno dimostrare di poter fare bene anche senza il vecchio allenatore. Piotr Zielinski la rivelazione? Forte, è cresciuto tanto, aveva grandi potenzialità e può fare ancora meglio. Può diventare un grande campione".

Ti potrebbe interessare
Ultimissime notizie