Torino, bellissimo gesto di Sirigu: "Il rigore parato? Lo dedico ai pastori sardi, periodo duro per loro"

Redazione » Campionato12 FEB 2019 ORE 21:43

L'estremo difensore granata, ex PSG, ha spiegato: "Tutti abbiamo ascoltato la loro voce, visti i loro gesti di dissenza per la loro condizione lavorativa".

Da quando è arrivato al Torino, Sirigu si è spesso messo in mostra con le sue parate che hanno permesso alla squadra granata di guadagnare punti importanti. L'ultima paratona dell'ex Paris Saint Germain è arrivata nei minuti finali della partita contro l'Udinese, quando ha respinto il calcio di rigore di Rodrigo De Paul proteggendo il preziosissimo 1-0 firmato Ola Aina. Alla prodezza di domenica pomeriggio è ora seguita una dedica speciale: ai pastori sardi che da giorni stanno manifestando per il crollo del prezzo del latte di pecora. 

“Il rigore parato lo dedico ai pastori sardi che stanno affrontando un periodo particolare. Tutti abbiamo ascoltato la loro voce, visti i loro gesti di dissenza per la loro condizione lavorativa” ha dichiarato il portiere ai microfoni di Torino Channel. Prima di essere un calciatore, Sirigu è infatti un ragazzo nato e cresciuto in Sardegna (è originario di Nuoro), orgoglioso delle sue origini e vicino alla gente e ai problemi della sua terra. “Essendo sardo e essendo fiero di esserlo – ha detto il portiere granata - voglio dimostrare la mia vicinanza e la mia più totale comprensione per la loro attuale situazione che va sicuramente migliorata. Spero che lo Staro possa dargli una mano".  

Ti potrebbe interessare
Ultimissime notizie
TV LUNA - Formazione Napoli, Mertens non ci sarà! Sciolto il dubbio sul portiereWanda Nara riapre all'Inter: foto di Icardi in lacrime e con la maglia nerazzurraIl Milan batte l'Atalanta, Gattuso bravo in campo e fuori: risposta da fuoriclasse su Higuain!
Da Torino suonano l'allarme: "Mercato, la Juve può commettere una imperdonabile sciocchezza!"Lucarelli: "Mazzarri può fare un brutto scherzo al Napoli. Do un consiglio agli attaccanti del Torino"Boateng, che giornata: prima il debutto col Barca, poi la triste scoperta. Rubati gioielli per 300mila euro
Questo sito usa cookie di prime e terze parti a fini statistici, tecnici e, previo tuo consenso, di profilazione, per proporti pubblicità in linea coi tuoi interessi. Leggi le informative sulla privacy e sui cookie. Cliccando "OK" o scrollando la pagina accetti l'uso dei cookie e la nostra privacy policy.