"Mortificante". De Laurentiis chiese le "seconde squadre", ma solo la Juve ce l'ha: quale futuro?

Redazione » Campionato15 MAR 2019 ORE 23:21

Il presidente del Napoli fu uno dei fautori delle seconde squadre e disse: "A me non sta bene una squadra in serie C, è una categoria poco allenante".

“Seconde Squadre: analisi e prospettive nel contesto italiano”. Era questo il tema del convegno organizzato questa mattina da Lega Pro in collaborazione con la Juventus all'Allianz Stadium. Analisi ce ne sono state, approfondite, sotto ogni punto di vista e angolatura. Le prospettive però sono ancora tutte da definire. 

IL CONFRONTO - Perché il progetto delle seconde squadre - scrive calciomercato.com - è nato sotto una cattiva stella, imposto alla Lega Pro in una fase di commissariamento della Figc, tra un passo avanti ed uno indietro infine è partito con una sola società in grado di aderire nonostante le tante difficoltà: la Juventus. Ed anche i parametri con cui è stata definita la partecipazione della seconda squadra sono stati imposti da chi non conosce il contesto di partenza, la serie C appunto: è questo in estrema sintesi il messaggio di Gabriele Gravina, presidente Figc, e Gabriele Ghirelli, presidente Lega Pro. Per quanto Gravina continui ad appoggiare questa novità, fortemente voluta soprattutto da alcune realtà ben rappresentate da Andrea Agnelli, Federico Cherubini e Giuseppe Marotta, ma anche Demetrio Albertini: per aiutare il movimento italiano ad uscire dalla crisi e tornare a competere all pari con le altre federazioni, le seconde squadre sono una via imprescindibile. Almeno secondo i vertici del nostro calcio. Anche se il progetto va cambiato e rilanciato: insomma, servono nuove leggi e servono subito. A cominciare dall'età massima, ma non solo. Nuove norme le vorrebbero pure le realtà di serie A.

LA DISTANZA - Quello che manca, però, è il vero dialogo. Mettere d'accordo interessi di società che fanno parte di tre leghe diverse è complicato, il plotone di chi alla base non creda nella reale riuscita di questa fusione è ancora nutrito ed è stato ben rappresentato da Gianfranco Andreoletti, presidente dell'AlbinoLeffe questa mattina. La conclusione? Non si torna indietro. Ma per riuscire ad andare avanti è già quasi tutto da rifare.

De Laurentiis, quale futuro? Il presidente del Napoli fu uno dei fautori delle seconde squadre e disse: "A me non sta bene una squadra in serie C, ma una seconda squadra dove possono giocare pure gli esuberi della prima. Ma un conto è farli giocare in serie B, un altro in serie C, che è meno allenante e pure mortificante, lì si gioca a calci negli stinchi, si rischiano infortuni", il commento del patron azzurro. "E' vero, ne ho parlato a lungo in passato, però probabilmente alla fine decideranno per qualcosa che non accontenterà tutti. Ognuno ha le sue esigenze. Si parla tanto ma ma c’è un disegno organizzativo? Si vuole copiare la Spagna? O parliamo per aprire bocca come è accaduto nei giorni scorsi? Chi parla istituzionalmente non è uno che sta all’interno del lavoro dei club, è solo un fatto politico, si parla di qualcosa così a caso".

Potrebbe interessarti
Ultimissime notizie
Chiariello: "Il Bari arriva in B in un amen, ma poi fa la Salernitana bis? Non crederò mai che ADL..."Santini: "Esonero di Sarri ad ore? Due squadre italiane sul mister. L'Inter gli preferisce Conte"Da Torino attaccano: "Editoriale vergognoso di un giornale napoletano sulla Juventus"
Bruscolotti: "Se il Napoli non vince dove prende gli sponsor? C'è un calciatore che sacrificherei"CORRIERE - Iker Casillas: "In Italia faccio il tifo per il Napoli". Svelati i motiviStagione difficile per Higuain, la quotazione crolla: sapete quanto vale ora per Transfermarkt?
Questo sito usa cookie di prime e terze parti a fini statistici, tecnici e, previo tuo consenso, di profilazione, per proporti pubblicità in linea coi tuoi interessi. Leggi le informative sulla privacy e sui cookie. Cliccando "OK" o scrollando la pagina accetti l'uso dei cookie e la nostra privacy policy.