CM.COM - Ancelotti inc**zato non è credibile. L'ombra di Gattuso si fa minacciosa. La frusta...


Redazione
Campionato
3 DIC 2019 ORE 13:26

Il duro confronto di ieri con i giocatori e la decisione di imporre un ritiro anticipato sono il punto di non ritorno.

E alla fine anche Ancelotti si incazzò. Come analizzato da calciomercato.com, ha dovuto alzare voce e toni il tecnico emiliano per provare a svegliare il Napoli da un torpore psicologico che ha precipitato Insigne e compagni in una crisi che non sembra conoscere fine. Il duro confronto di ieri con i giocatori e la decisione di imporre un ritiro anticipato in previsione della prossima partita con l'Udinese rappresentano il punto di non ritorno per un allenatore che ha dovuto prendere consapevolezza di uno scenario che raramente lo ha visto protagonista nella sua lunga carriera. Quello di non essere più seguito dal gruppo o di avere comunque una presa ai minimi termini con la maggior parte di esso.

TROPPO TARDI - E allora Ancelotti è stato costretto a fare a pugni con la sua coscienza, a violentare la sua natura di magistrale gestore di uomini, all'insegna della pazienza e della serenità. Era metà gennaio, quando il tecnico del Napoli dichiarava: “Non so usare la frusta, non so essere autoritario. Se usassi la frusta non sarei credibile. Sapete perché? Nessuno mi ha mai frustato. Se avessi avuto un allenatore o anche papà che mi frustava forse lo avrei fatto anche io. Non voglio esecutori di ordini, i giocatori non sono soldati”. Nel frattempo, è successo di tutto e l'improvviso cambio di rotta di Carletto rischia di arrivare quando ormai tutto, o buona parte, è compromesso. E' già lontanissimo il ricordo della squadra capace di spegnere le bocche di fuoco del Liverpool campione d'Europa nell'esordio stagionale in Champions League, al San Paolo a settembre. Quello che all'epoca era un collettivo che, pur avendo smarrito del tutto l'identità tattica di memoria sarriana, si sforzava di remare dalla stessa parte, oggi è una banda di individualità in preda alla burrasca.

L'OMBRA DI GATTUSO - Le variegate e delicate situazioni contrattuali di molti di loro hanno finito per frazionare un gruppo che si scopriva senza più leader col passare delle settimane, di un comandante che sapesse traghettarla il più lontano possibile dalle difficoltà. Poteva esserlo Ancelotti, ma non a modo suo, non con le solite buone maniere. Usare oggi il pugno di ferro può risultare tardivo e l'ombra del suo allievo Rino Gattuso all'orizzonte si fa sempre più minacciosa.

Potrebbe interessarti
 
Ultimissime notizie
CLASSIFICA SERIE A - La Roma ferma l'Inter e va a +9 sul Napoli, ma Ancelotti ha una grossa chance!PRIMA PAGINA CORRIERE - Ancelotti vinci, altrimenti guai grossi! L'Inter frena, per Sarri esame Ciro
Zoff: "Ancelotti risolverà i problemi del Napoli, ma deve aiutarsi da solo! Nello spogliatoio..."FOTO - Napoli, striscione Curva B: "Tu che vai allo stadio, diserta! Per stare vicino a tuo figlio..."
VIDEO - Boavista-Benfica 1-4, doppietta di Vinicius: l'ex Napoli ancora una volta decisivoInter, Conte bacchetta i tifosi: "Così non va! Mi preme dire una cosa importante a tutti"
Questo sito usa cookie di prime e terze parti a fini statistici, tecnici e, previo tuo consenso, di profilazione, per proporti pubblicità in linea coi tuoi interessi. Leggi le informative sulla privacy e sui cookie. Cliccando "OK" o scrollando la pagina accetti l'uso dei cookie e la nostra privacy policy.