Auriemma: "Ma che sapore ha? Pareggio insipido, cosa è successo al Napoli si sa"


Redazione
Campionato
7 OTT 2019 ORE 14:34

Il giornalista nel suo editoriale su sportmediaset.it ha messo in evidenza la situazione della squadra partenopea dopo il pareggio di ieri.

Raffaele Auriemma, nel suo editoriale su Sportmediaset.it, è critico nei confronti di Carlo Ancelotti: "Ma che sapore ha questo pareggio di Torino? È leggermente insipido, non resta sullo stomaco e permette di guardare oltre la sosta ad una squadra diversa rispetto all’ultimo periodo. Delle ultime 4 partite, il Napoli ne ha persa una (in casa con il Cagliari), ne ha vinta una (col Brescia) e ne ha pareggiate due, gli 0-0 di Genk e di Torino. Due soltanto i gol segnati in questo miniciclo di 4 gare attestano anche un’inversione di tendenza rispetto alle prime cinque gare di inizio stagione".

Poi aggiunge: "La formazione di Ancelotti cominciò in maniera pirotecnica, con 4 vittorie, una sola sconfitta all’Allianz contro la Juventus e 15 gol segnati, vale a dire la media di 3 reti per ogni singola gara. Cosa è successo si sa, molto è dipeso dalla frequente variazione nel sistema di gioco. Si era cominciato con il solito 4-4-2, anche se in fase offensiva diventava 4-2-3-1, tanto da permettere agli azzurri di essere insidiosi, offensivi e nel contempo anche perforabili. Poi, l’atteggiamento cambiò e la squadra rimase sul 4-4-2 con una propensione ad attaccare soprattutto al centro".

Potrebbe interessarti
 
Ultimissime notizie
Foti: "Godo nel vedere Di Lorenzo a Napoli!". Poi rivela: "Faceva fatica a trovare un contratto..."Renica: "Insigne deve adeguarsi ad Ancelotti e non il contrario! Inizio disastroso: il motivo"
Pistocchi: "Clamoroso, Saoud Al Thani pronto ad acquistare un club italiano! C'è il primo indizio"Altamura: "Rapporto ADL-Ancelotti tra il cinque e il sei! Futuro del mister, gira una clamorosa voce"
Fedele: "Ancelotti, basta esperimenti. Avete visto chi ha la Juve? Il Napoli ricorre ai 'magnifici' quattro"RADIO MARTE - De Laurentiis-Ancelotti, summit dopo Genk: ecco cosa si sono detti
Questo sito usa cookie di prime e terze parti a fini statistici, tecnici e, previo tuo consenso, di profilazione, per proporti pubblicità in linea coi tuoi interessi. Leggi le informative sulla privacy e sui cookie. Cliccando "OK" o scrollando la pagina accetti l'uso dei cookie e la nostra privacy policy.