Stai bloccando la pubblicità?
La pubblicità è il nostro unico mezzo di finanziamento: senza pubblicità non possiamo lavorare per produrre contenuti che tu puoi leggere GRATIS. Per favore, metti AreaNapoli.it in white-list. Ti ringraziamo in anticipo.

ESCLUSIVA - Sabaly prima alternativa a Lainer, ha quattro vantaggi. Intesa sullo stipendio: cifre e dettagli

Scritto da Redazione in Calciomercato12 LUG 2018 ORE 10:34

La candidatura di Youssouf Sabaly sta prendendo quota, alla luce di parametri economici alla portata e di una duttilità tattica.

Il prossimo terzino del Napoli potrebbe parlare austriaco o francese, più difficilmente spagnolo. Se Stefan Lainer resta il nome in pole nella lista di gradimento di Cristiano Giuntoli, la candidatura di Youssouf Sabaly sta prendendo quota, alla luce di parametri economici alla portata e di una duttilità tattica che gli permette di essere impiegato in più di una posizione. Per Santiago Arias l'investimento sarebbe decisamente più oneroso: un aspetto non da poco e che lo allontana dal trasferimento in azzurro. Contratto in scadenza 2020 e non 2019, dopo il Mondiale il valore del colombiano si assesta ad almeno 20 milioni di euro, senza contare che l'ingaggio percepito in Olanda (oltre 1 milione netto a stagione dal 2015) è ben superiore a quello di Lainer. In parole povere, è un'operazione dispendiosa e tutt'altro che agevole.

Quanto a Youssouf Sabaly del Bordeaux, l'area tecnica del Napoli ne ha parlato con alcuni intermediari, forte dei buoni rapporti instaurati dopo l'affare Adam Ounas, ed ha incontrato l'entourage del calciatore per ragionare sul salario. Il terzino del Senegal, rispetto ad Arias, ha quattro vantaggi: possiede il passaporto comunitario (è nato in Ile-de-France); può giocare anche a sinistra; può essere preso per 12 milioni (esattamente la somma stanziata dal Napoli per il nuovo difensore) e attualmente guadagna molto poco (meno di 50 mila euro al mese, vale a dire che non raggiunge i 600 mila euro l'anno). In maglia azzurra intascherebbe quasi il doppio: tutto sommato una cifra modica per le casse campane. La media degli stipendi nei Girondins, d'altronde, non supera i 65 mila euro mensili, ovvero i 780 mila a stagione, con tetto massimo a 1,8 milioni (il brasiliano Malcom). Facile l'intesa sull'ingaggio, ora c'è da approfondire il discorso per il cartellino. Esterno dinamico e veloce, Sabaly spicca maggiormente nella fase di spinta, ma sta migliorando in copertura. Cresciuto nel centro di formazione del PSG, faceva parte delle giovanili parigine quando Carlo Ancelotti sedeva sulla panchina del club transalpino e, in quel periodo, è diventato amico di David Luiz. 3 presenze e 1 assist al Mondiale, in Ligue 1 ne ha totalizzati 6 in 39 apparizioni. Acquistato per 4 milioni, ha un contratto fino al 2021 e nei mesi scorsi è stato cercato anche in Spagna. Confrontatosi a più riprese con Kalidou Koulibaly, verrebbe di buon grado in Italia. Il Napoli tiene in caldo questo pista, senza mai dimenticare Lainer, per il quale continua il braccio di ferro col Salisburgo.

Ti potrebbe interessare
Ultimissime notizie