Ghoulam: "Napoli è famiglia! Lavoro per tornare presto. Ounas mi ha fatto dispiacere"

Scritto da Redazione in Interviste13 FEB 2018 ORE 12:36

Il terzino del Napoli e della Nazionale Algerina, Faouzi Ghoulam, ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni ai microfoni de Le Buteur.

Il terzino del Napoli e della Nazionale Algerina, Faouzi Ghoulam, ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni ai microfoni de Le Buteur. "L'ultimo infortunio un segno del destino? Sono credente, accetto ciò che accade. Si va avanti, adesso serve la giusta pazienza. Penso a guaire e a lavorare per farmi trova pronto il prima possibile. Il gesto dei miei compagni contro la Lazio? Non mi sorprende, c'è grande unione: a Napoli si è formata una vera famiglia. Sono tranquillo, accanto a me ho persone straordinarie che mi sostengono. Tutto ciò mi dà la forza che mi serve per tornare il prima possibile".

"Momenti difficili in Algeria? C'è chi riconosce i tuoi meriti e chi, invece, lavora solo per offuscare i meriti altrui. Non posso tollerare che si tocchino i miei genitori e la mia famiglia per colpire me, è qualcosa che fa male. Secondo qualcuno avrei finto di essere malato per non andare in Nazionale; per qualcun altro mi sarei iniettato da solo un virus influenzale: ma di cosa stiamo parlando? Qualcuno mi ha anche minacciato. Solo cattiveria gratuita... Champions League? Uscire dalla massima competizione è comunque un fallimento, perché avevamo i mezzi per continuare, ma sappiamo che la Champions non perdona. Scudetto? E' una parola che non pronunciano a Napoli per scaramanzia. Non mi preoccupo di certi aspetti, però evito di pronunciare anch'io quella parola. Adam Ounas? Ero un po' dispiaciuto perché prima di venire qui non mi ha chiamato. Ha fatto la scelta giusta: a Napoli potrà diventare presto uno dei più forti in Europa. Cerco di aiutarlo insieme a Kalidou Koulibaly e Dries Mertens. Davanti a sé ha un grande futuro".

Consigliati per te...
Ultimissime notizie