Esposito ad AreaNapoli: "Sarri disse di no ad Immobile. Vi dico il risultato esatto di Juve-Toro"

Scritto da Francesco Manno in Interviste23 SET 2017 ORE 11:00

Il Napoli, tra poche ore, affronterà la Spal in un match sicuramente da non sottovalutare. La squadra di Ferrara aveva iniziato benissimo la stagione pareggiando in trasferta all'Olimpico contro la Lazio (0-0) e battendo in casa l'Udinese (3-2). Poi tre sconfitte consecutive hanno spento gli entusiasmi della compagine diLeonardo Semplici. Per parlare di Spal-Napoli e non solo la redazione di AreaNapoli.it ha contattato Paolo Esposito, conduttore di "Area di rigore", su Paradise Tv.

Il Napoli ha battuto 1-4 all'Olimpico la Lazio. Non è stata, però, una gara semplice per gli azzurri

"La Lazio ha pagato anche i numerosi infortuni. Bastos stava tenendo a bada bene Insigne, de Vrij è un ottimo centrale difensivo. Nella seconda frazione di gioco si è fermato anche Basta. I partenopei stavano crescendo, sarebbe stata una partita equilibrata fino alla fine. Il Napoli avrebbe potuto vincere oppure no, ma la Lazio sarebbe stata pienamente in partita".

De Laurentiis ha sottolineato la necessità di portare il format della Serie A a 16 squadre. Sei d'accordo?

"Sì, la penso come lui. Il campionato italiano deve tornare a 16 squadre, a 18 sarebbe un brodino. Credo che una riforma simile porterebbe benefici anche alla Nazionale. Si potrebbero creare più stage, ci sarebbero più occasioni per lavorare con i calciatori. La forbice tra le grandi e le piccole si è allargata, il campionato italiano sta diventando scontato come quello spagnolo. Ricordiamo che prima il nostro torneo era a 18 squadre, poi dopo la riforma Berlusconi, dovuta alla vicenda legata al calcioscommesse, la Serie A è passata a 20 squadre. Spero possa cambiare qualcosa anche se prevedo una dura resistenza delle provinciali che ci terranno a mantenere lo status quo".

Nella tua trasmissione "Area di Rigore" hai accostato diversi nomi al Napoli. Cosa bolle in pentola per giugno?

"La mia sensazione è che, conoscendo Aurelio De Laurentiis, abbia già bloccato Geronimo Rulli per il prossimo campionato. Acquisto, questo, che ha avuto già il beneplacito di Maurizio Sarri. Rulli sa gestire bene la palla con i piedi. Rui Patricio, invece, altro nome in orbita Napoli, non è bravissimo in questo fondamentale, anche se resta un ottimo portiere tra i pali".

Immobile-Napoli, perchè l'affare non andò in porto?

"Vi svelo un retroscena. Immobile fu offerto a De Laurentiis per una cifra pari a 7, 8 milioni di euro. Immobile era stato anche capocannoniere con il Torino. Sarri, tuttavia, pose il veto sul suo acquisto perchè lo riteneva inadatto al suo gioco. Immobile è un contropiedista nato, le sue caratteristiche non si sposano con quelle richieste dall'attuale tecnico del Napoli".

Il match clou della sesta giornata di campionato sarà quello che vedrà opposta la Juventus al Torino. Facciamo un giochino: ti chiedo il risultato esatto del match

"Lo scorso anno il Torino mise in seria difficoltà la Juventus. I granata furono raggiunti nel finale da una rete di Gonzalo Higuain. Spero che quest'anno la musica possa essere diversa. Prevedo un 2-3 per la compagine di Sinisa Mihajlovic".

Il Napoli se la vedrà con la Spal. Un match da non fallire...

"Ad "Area di Rigore" abbiamo proposto delle immagini risalenti ad una gara della stagione 66/67. Il Napoli si impose per 1-4 con Altafini protagonista. Spero che stasera la storia sia simile. Consentimi però di fare una considerazione finale sul Benevento".

Prego

"Mi auguro che il Benevento cominci a fare punti. Forse il presidente Vigorito ed il dirigente Di Somma pensavano che la struttura della Serie B potesse essere adatta anche alla Serie A. Non è andata così. Il Benevento ha urgente bisogno di rinforzarsi, spero che possa intervenire in modo deciso sul prossimo mercato!".

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA

Potrebbe interessarti anche...
Ultime da SKY Sport
Seguici su Facebook per commentare le notizie