ESCLUSIVA - Zunico: "Fui vicino al Napoli, poi saltò tutto. Maradona? Non dimenticherò quel giorno"

Scritto da Francesco Manno in Interviste8 OTT 2017 ORE 20:55

Quella di Giacomo Zunico è la storia di un ragazzo di Casoria innamorato da sempre del suo Napoli. Rincorreva un pallone tra i vicoli della città con il sogno, mai troppo velato, di approdare in Serie A con la maglia del suo cuore: quella azzurra. La vita, però, si sa, a volte, sa essere strana. Ti fa percorrere sentieri imprevisti. Ecco allora che il portiere approda in Serie A. E quel giorno si trova di fronte proprio il suo Napoli, ma da avversario. Contro di lui c'è anche il suo idolo, il calciatore che ha fatto innamorare lui e tutti i napoletani: Diego Armando Maradona. Era Lecce-Napoli, l'estremo difensore militava nelle fila dei salentini. Per parlare di questo e di altro, la redazione di AreaNapoli.it ha contattato il portiere Giacomo Zunico.

Debuttasti in Serie A con la maglia del Lecce affrontando il Napoli di Maradona. Che emozioni provasti quel giorno?

"Fu una gara memorabile per me. Affrontavo la squadra della mia città trovandomi di fronte una leggenda come Diego Armando Maradona. Solo un napoletano può capire certe emozioni. L'ex Pibe de Oro, per noi figli del Vesuvio, era molto più di un calciatore".

Avresti tuttavia preferito debuttare con la maglia del Napoli in A, non da avversario

"Sicuramente, ma ho coronato un altro sogno legato in qualche modo al Napoli".

Quale?

"Nel corso di un Napoli-Lecce, parai una punizione a Diego Armando Maradona. Mi sentivo l'uomo più felice del mondo, non dimenticherò mai quel giorno. Tutti conoscono lo straordinario fuoriclasse, ma Diego era anche un uomo profondamente leale sia in campo che fuori".

Eppure fosti più volte vicino al Napoli

"Si, per due anni. Ma non andò come volevo...".

Ci spieghi i motivi?

"Ero legato contrattualmente ai miei club di appartenenza, il Napoli avrebbe dovuto pagare una cifra che riteneva eccessiva e decise di non farlo. Peccato non avere giocato in Serie A con la maglia del Napoli".

Tu affrontasti il grande Napoli di Maradona, come giudichi quello di oggi? Potrebbe rinverdire certi fasti?

"Mi sembra una squadra molto competitiva. Il progetto di De Laurentiis è serio, ora il patron potrebbe raccogliere i frutti sperati. Prevedo una lotta fino all'ultima giornata tra i partenopei e la Juventus. I dettagli faranno la differenza".

Il Var sta migliorando il calcio?

"Credo sia stata un'evoluzione necessaria. Il mondo va avanti, il calcio deve adeguarsi. Si tratta di uno strumento utilissimo per smorzare le polemiche, ma deve essere migliorato. Questa è una fase sperimentale".

Alla ripresa del campionato il Napoli andrà all'Olimpico per affrontare la Roma. Che gara sarà?

"Un match molto complicato e non solo per la forza della Roma. Di Francesco, anche quando allenava il Sassuolo, ha messo spesso in difficoltà la compagine di Sarri. Prevedo un match molto equilibrato, da 1X2!".

Un saluto di Giacomo Zunico ai lettori di AreaNapoli.it

"Un saluto a tutti voi con la speranza che il Napoli possa regalarci una bella stagione".

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA

Potrebbe interessarti anche...
Ultime da SKY Sport
Seguici su Facebook per commentare le notizie