ESCLUSIVA - Michelle Russo: "Occhio a tre calciatori dello Shakhtar. Il mio giudizio su City e Feyenoord"

Scritto da Francesco Manno in Interviste12 SET 2017 ORE 15:45

Il Napoli ha iniziato la nuova stagione nel migliore dei modi. La compagine di Maurizio Sarri, infatti, dopo avere battuto il Nizza nel preliminare di Champions League, è a punteggio pieno in campionato avendo battuto nell'ordine: Verona, Atalanta e Bologna. Ma ora la testa degli azzurri va alla sfida di domani sera contro lo Shaktar. Il Napoli, contro gli ucraini, sarà impegnato a confermare quanto di buono ha fatto nelle ultime settimane. Per parlare dei prossimo avversari dei partenopei nel girone F di Champions League, la redazione di AreaNapoli.it ha contattato Michelle Russo, esperta di calcio internazionale.

Shakhtar, Feyenoord e Manchester City hanno vinto le loro rispettive gare di campionato. Hai avuto modo di seguirle, cosa ne pensi?

"Parlando del Manchester City, abbiamo assistito a un netto 5-0 rifilato al Liverpool. Da notare però che 4 reti sono state segnate quando l'avversario aveva un uomo in meno a causa dell'espulsione (un po' severa) di Manè. La squadra di Guardiola sta giocando con un atipico 3-1-4-2 che esalta particolarmente De Bruyne (2 assist). Scatenato Gabriel Jesus, che fa una doppietta, e il suo subentrante Sanè che sigla anche lui due reti. In previsione dello scontro col Napoli prevedo tempi duri per Otamendi che ha sofferto non poco Salah quando il Liverpool era ancora in 11. C'è pero da dire che è difficile trarre degli spunti interessanti da questo match in quanto pesantemente condizionato dall'espulsione del giocatore avversario. Il Feyenoord invece regola con un 2-4 il modesto Heracles. Il match viene virtualmente chiuso già nel primo tempo con ben 3 goal. Nel secondo tempo i campioni d'Olanda si addormentano e subiscono il ritorno degli avversari che a 10 minuti dal termine si portano sul 2-3, e pericolosamente rischiano la beffa del pari, salvo poi segnare il 2-4 a tempo scaduto. Pensando allo scontro di Champions League sicuramente segnalerei come a risultato acquisito la squadra di Van Bronchkhorst abbia completamente smesso di giocare lasciando il gioco nelle mani degli avversari e rischiando persino la debacle. Anche lo Shakhtar porta a casa un risultato positivo in questo turno battendo 3-1 gli avversari dello Zorya. Partita in equilibrio, con gli ospiti in vantaggio al 13esimo e con i prossimi avversari del Napoli che trovano il pareggio al 32esimo con un incornata di testa di Kryvtsov. Nella seconda frazione di gioco poi i ragazzi di Fonseca mettono la freccia e attuano il sorpasso al 70esimo e all'89esimo fissano il punteggio sul 3 a 1. Nonostante il risultato sia stato in bilico fino al 70esimo, lo Shakhtar ha sempre avuto il pallino del gioco in mano".

Domani sera il Napoli affronterà lo Shakhtar. Come gioca e quali sono gli elementi da tenere d'occhio?

"Lo Shakhtar gioca un calcio veloce e anche abbastanza tecnico grazie all'estro dei tanti brasiliani in rosa. Attualmente la squadra pare essere in una buona forma fisica (in Ucraina hanno appena giocato l'ottavo turno di campionato). Il loro modulo di base è un 4-2-3-1 molto arioso dalla trequarti in su. Il Napoli a mio avviso dovrà tenere d'occhio Bernard, ala sinistra molto rapida ed inoltre bravo nei calci da fermo e a rifornire gli attaccanti. Marlos, altro brasiliano, è il capocannoniere attuale della squadra con 4 marcature in 8 partite. Gioca come ala destra, anche lui veloce e si mette in evidenza soprattutto per i suoi dribbling e l'abilità sotto porta. Per finire da non sottovalutare il terzino destro Srna, difensore 33enne a lungo nazionale croato. Oltre alle già conosciute doti tecniche, la sua esperienza in campo internazionale potrebbe farsi sentire. Consideriamo infine che il Napoli è una squadra con ancora poca esperienza in Champions League mentre gli ucraini sono già alla loro 12esima partecipazione".

Il Psg sta dominando in Ligue 1, il Monaco ha perso contro il Nizza. La compagine di Unai Emery è destinata a vincere in scioltezza il torneo?

"Quest'anno il PSG sembra essere partito in quarta e non poteva che essere altrimenti dopo la deludente passata stagione. Consideriamo anche che le avversarie - chi più, chi meno - si sono tutte indebolite, dal Monaco (ceduti Mendy, Bernardo Silva e Bakayoko) al Lione (senza il bomber Lacazette, Tolisso e Gonalons) al già conosciuto Nizza. Il team di Emery ha una rosa con un attacco formidabile, e in Francia non penso che ci sarà avversario che possa impensierirli. Inoltre la squadra parigina si presenta ai nastri di partenza con una rosa molto giovane, con solo 3 giocatori ultratrentenni, pertanto, teoricamente, possono aprire un ciclo di vittorie per molti anni. Per questi motivi prevedo da parte del PSG una vittoria della Ligue 1 abbastanza scontata".

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA

Potrebbe interessarti anche...
Ultime da SKY Sport
Seguici su Facebook per commentare le notizie