ESCLUSIVA - Esposito: "Sarri resta al 50%. Il Napoli avrà uno dei migliori attaccanti d'Europa"

Scritto da Francesco Manno in Interviste16 MAG 2018 ORE 18:37

Paolo Esposito, giornalista, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di AreaNapoli.it soffermandosi sul mercato del club azzurro.

Il giornalista e conduttore televisivo, Paolo Esposito, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di AreaNapoli.it analizzando quanto sta accandendo nel campionato italiano di Serie A: "Le parole di Soviero nel corso della mia trasmissione Area di rigore? Il celebre portiere non ha mai parlato di biscotto. Lui ha giocato nel Crotone, ha detto che gli è sembrato clamoroso il risultato della Fiorentina (sconfitta interna contro il Cagliari, ndr). I viola contro il Napoli avevano fatto la partita della vita. Il Cagliari faceva fatica nelle ultime giornate. Soviero è rimasto molto legato al Crotone. Il portiere è rimasto sorpreso anche dalla vittoria del Chievo Verona contro il Bologna. Soviero è una persona staordinaria. Forse qualche eccesso caratteriale gli ha impedito di fare una carriera ancora più importante, ma è stato un grande portiere. Sono stato contattato da Vallone, addetto stampa del Cagliari Calcio in merito alle parole di Soviero e ti ringrazio per avermi dato la possibilità di chiarire il tutto. Soviero non ha mai mancato di rispetto a nessuno e non voleva prendersela col Cagliari".

Ti faccio la domanda del giorno: Sarri resterà a Napoli? Quali sono le tue sensazioni?

"Non mi voglio sbilanciare al momento. Diciamo che c'è il 50% di possibilità che il mister resti a Napoli. Il nodo è la clausola, capire se il Chelsea si è mosso in modo importante per Maurizi Sarri. Mai visto finora una società sepndere 8 miloni di euro per un allenatore. Aurelio De Laurentiis è disposto ad accontere i suo allenatore proponendogli un ingaggio superiore ai 3 milioni di euro. Io credo che Sarri debba pensarci bene altrimenti rischierebbe di fare la fine di Mazzarri. Lui, dopo Napoli, si è bruciato ed è tornato ad allenare squadre normali, non big".

C'è la suggestione Ancelotti

"Carlo Ancelotti viene da un esonero. Parliamo di un grande allenatore, ma non è il Messia. Ancelotti fa un altro tipo di gioco, è divers da Sarri. Fa un calcio pragmatico, all'italiana. Il profilo ideale per il Napoli è quello di Marco Giampaolo. Fui il primo a dare la notizia di un interessamento di De Laurentiis per l'attuale tecnico della Sampdoria. Giampaolo darebbe continuità al progetto di Maurizio Sarri. I tifosi del Napoli hanno la bocca buona, sono abituati al bel gioco".

Credi che tanti big del Napoli andranno via?

"Non credo. Mertens ha la clausola, non Koulibaly ad esempio. Il belga via solo per una grandissima offerta, nettamente superiore a quella attuale. Il Napoli lo ha esaltato, Sarri lo ha valorizzato schierandolo da centravanti. Altro che falso nueve, è un attaccante vero! Terrei sempre Mertens, si trova alla perfezione con Insigne. Perché lasciarlo andare? La continuità sarebbe importante. Il Napoli è il vincitore morale di questo campionato, lo dicono anche all'estero. Il Napoli ha perso lo Scudetto dopo Inter-Juventus. I partenopei avrebbero stravinto a Firenze e contro il Torino. A Firenze è stato deciso lo Scudetto".

Ti aspetti qualche colpo importante del Napoli?

"Il Napoli a settembre avrà uno dei centravanti più forti d'Europa: Arek Milk. Vedrete: vi stupirà. Io poi terrei Dries Mertens. Terrei poi il centrocampo. Ci vogliono 4, 5 calciatori dello stesso livello dei titolari, bisogna lottare anche contro gli arbitri. Io non sono solito lamentarmi dei direttori di gara, ma ciò che è accaduto in questo campionato è sotto gli occhi di tutti. Il Napoli avrebbe meritato lo Scudetto, lo ha detto il campo!"

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA

Consigliati per te...
Ultimissime notizie