ESCLUSIVA - Zoet-Napoli: ultime dall'Olanda. Cuore d'oro e voglia d'Italia

Scritto da Gianluca Vitale in Calciomercato12 GIU 2017 ORE 19:06

Jeroen Zoet può diventare più di un'idea per il mercato del Napoli. Il portiere del PSV, il cui nome è stato caldeggiato nelle scorse settimane, è uno dei profili valutati dal club azzurro per la prossima stagione. Secondo verifiche effettuate in Olanda dalla redazione di AreaNapoli.it, tra le parti sono intercorsi diversi contatti che potrebbero subire un approfondimento a stretto giro di posta.

NIENTE PANCHINA - Il profilo di Zoet piace, però vanno fatte alcune precisazioni. Innanzitutto, il calciatore, se dovesse lasciare il PSV, non si muoverebbe in prestito: lo farebbe solo a titolo definitivo. Altro punto: andrebbe via per un club in grado di assicurargli la titolarità e la giusta visibilità, non per essere il "secondo". E il motivo è semplice: è il portiere della Nazionale e per lui la concorrenza non manca. Tanto per fare due nomi nostrani, ad esempio, all'estremo difensore oranje si sono interessati anche Milan (in attesa di capire la volontà di Donnarumma) e Torino, che hanno chiesto informazioni tra maggio e giugno. Ma non solo: anche all'estero Zoet gode di buona fama, tanto da essere è stato oggetto delle attenzioni di Manchester City e Atletico Madrid.

GIUNTOLI TENTATO - Sono diverse le qualità che rendono Zoet appetibile agli occhi di Cristiano Giuntoli: a partire dalla costanza di rendimento (le statistiche Opta, non a caso, lo hanno premiato come miglior portiere della Champions League 2015/2016) e la reattività, sino alla freddezza nell'uno contro uno. Si tratta di un portiere ben strutturato fisicamente, con una spiccata elevazione, ma soprattutto ambidestro, abile nel gestire la palla nel breve come nel lungo ed anche nel parare i rigori. L'età, poi, gioca a suo favore: 26 anni compiuti a gennaio e margini di miglioramento ancora promettenti.

I DETTAGLI DELL'OPERAZIONE - Il Napoli ha prima sondato il terreno in via informale, poi si è passati ad uno scambio più dettagliato. Il prezzo del cartellino non arriverebbe ai 10 milioni: Zoet - fanno sapere dalle sue parti - potrebbe essere preso per molto meno, ma va trovata la quadra con la dirigenza. Aspetto degno di nota, l'Italia rappresenta una destinazione gradita: una meta considerata di grande fascino ed un campionato, la Serie A, divenuto sempre più popolare in Olanda (specie dopo i trasferimenti dei vari Strootman, de Vrij et al.), che lo alletta non poco. L'operazione, insomma, si preannuncia fattibile, perchè l'esborso non sarebbe eccessivo è perchè la volontà del diretto interessato può giocare un ruolo importante. Già negli anni scorsi, lo ricordiamo, il PSV ha ricevuto offerte per il suo portiere, ma allora Zoet decise di restare con la prospettiva della Champions League. Ora, invece, la situazione è diversa: col giusto club e l'offerta adeguata, può davvero partire. Novità, in tal senso, potrebbero esserci nei prossimi cinque giorni.

RAGAZZO D'ORO - Due curiosità personali da chi conosce da vicino questo ragazzone di 190 cm. La prima: Zoet non è sposato, il che rappresenta di per sè una buona notizia in un calcio che ci ha abituato a consorti che, sempre più spesso, condizionano le scelte degli atleti. Non ha quindi particolari vincoli affettivi che lo leghino all'Olanda o lo indirizzino verso un paese in particolare. La seconda: è molto attivo nel sociale, soprattutto nell'aiutare i bambini attraverso la fondazione Spieren voor Spieren ("Muscoli per i muscoli"), con cui offre sostegno ai bimbi malati di distrofia e di cui è ambasciatore insieme ad altri compagni della sua Nazionale.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA