ESCLUSIVA - Retroscena: tutte le squadre su Zapata, le offerte ricevute e rifiutate. Quante piste saltate!

Scritto da Gianluca Vitale in Calciomercato31 AGO 2017 ORE 11:32

Duvan Zapata ad un passo dalla Sampdoria. Ma l'attaccante azzurro è stato a lungo al centro delle voci e delle trattative di mercato. Del Marsiglia (a cui è stato proposto da un intermediario che ha però fatto sapere che i francesi non avrebbero soddisfatto la richiesta del Napoli, che aveva imposto un prezzo dai 17 milioni in su) come anche del Fenerbahce (proposta contrattuale da 3 milioni netti a stagione e prestito con riscatto a 9-10 milioni) vi abbiamo già parlato in esclusiva. Il calciatore è stato offerto pure al Bayer Leverkusen, che ha però preferito virare su altri profili (vedi Lucas Alario). Al Werder Brema interessava solo in rpestito, ma a cifre poco elevate. E di prestito si è parlato anche col Crystal Palace e col Burnley, dove però non si è potuto concretizzare nulla a causa del permesso di lavoro: troppo bassa la cifra per un trasferimento temporaneo e dunque operazione impossibile alla luce delle scarse presenze in Nazionale. Restando in Premier, timido il sondaggio del Newcastle, mentre il Brighton è stata l'unica società a chiederlo a titolo definitivo (in questi ultimissimi giorni di mercato): contatti diretti con l'agente, nell'East Sussex Zapata avrebbe trovato il colombiano Josè Izquierdo, col quale avrebbe giocato volentieri. In Spagna Zapata è stato richiesto dal Deportivo Alaves: sempre in prestito (oneroso, a cifre contenute), con diritto e non obbligo di riscatto. Come fatto dallo Spartak Mosca in Russia (dove lo volevano per due anni): ma in questo caso non parliamo di un'offerta "fresca", bensì risalente a diverso tempo fa e prontamente rispedita al mittente. Alla fine, è stata una corsa a due tra Sampdoria e Sassuolo: i neroverdi ci hanno riprovato in modo deciso (contatti riallacciati poco dopo metà agosto, come vi abbiamo raccontato in esclusiva una settimana fa). E a spuntarla è stato il club blucerchiato.

Potrebbe interessarti
Seguici su Facebook per commentare le notizie