ESCLUSIVA - Idea Maffeo per il futuro! Vrsaljko in pole. Radar su Jonny e Haps

Scritto da Redazione in Calciomercato13 NOV 2017 ORE 17:45

Sono diversi i nomi di terzini accostati sempre più spesso al Napoli in vista del mercato di gennaio. Il club partenopeo sta rastrellando il panorama internazionale in cerca di profili affidabili ma anche di prospettiva. Meglio se ambidestri, capaci cioè di sostituire l'infortunato Ghoulam, alternandosi con Mario Rui sulla sinistra, per poi spostarsi a destra e giocarsi il posto con Hysaj dopo il rientro dell'algerino. A seguire, diverse ipotesi al vaglio sia per il ruolo di terzino mancino sia per quello ambidestro:

L'OBIETTIVO - Il nome in cima alla lista resta Sime Vrsaljko: i buoni rapporti tra il suo procuratore e Cristiano Giuntoli alimentano le speranze dei partenopei, che però continuano ad incassare il "no" dell'Atletico Madrid all'idea prestito o ad un trasferimento a cifre inferiori a quelle spese per prelevarlo dal Sassuolo (circa 18 milioni). Il croato è il primo obiettivo perchè è gradito all'area tecnica, conosce il campionato italiano e può giocare indifferentemente sulle due fasce. Strada in salita, ma ancora percorribile. Giuntoli conosce la dirigenza spagnola, eppure non ha ancora scalfito le sue reticenze. L'entourage non vuole incrinare i rapporti con l'Atletico, c'è da fare un delicato rapporto di intermediazione a Madrid in questi giorni. Pista calda, se ne saprà di più entro fine mese. Attenzione all'inserimento della Roma.

LA TENTAZIONE - Interessa, e da tempo, Alejandro Grimaldo. Apprezzato da Maurizio Sarri nella sfida tra Napoli e Benfica a dicembre del 2016, l'esterno ex Barcellona è tra i preferiti del tecnico per dinamicità e precisione nella doppia fase. Tuttavia, trattare con i portoghesi non è facile: vogliono che venga pagata la clausola da 40 milioni di euro, non 1 in più o in meno. C'è da fare i conti con una folta concorrenza: le due di Manchester e Juventus tra le altre. Un intermediario coltiva i contatti tra il Napoli e l'entourage, ma l'alto costo dell'operazione la rende complessa: Grimaldo non può arrivare a meno di un addio certo di Faouzi Ghoulam, cercato da Chelsea, City, Liverpool, Atletico e Juventus prima dell'infortunio, ed ancora in trattativa per il rinnovo. Si aspetta di capirne di più sugli effettivi tempi di recupero, ma l'idea è quella di prolungargli il contratto a prescindere.

ALTERNATIVE ITALIANE - Dell'ipotesi Adam Masina vi parliamo da mesi, da prima dell'arrivo di Marui Rui dalla Roma. L'esterno del Bologna alletta per fisicità e prezzo (intorno ai 12 milioni), ma non è ritenuto una priorità. Margini di crescita e discreta presenza nel gioco aereo, potrebbe essere un tassello per rinfoltire il reparto, non per rappresentare l'alter ego di Ghoulam nell'undici titolare. Più versatile l'uruguaiano Diego Laxalt: terzino ed esterno da entrambi i lati, all'occorrenza centrocampista, esegue la doppia fase come pochi. Aggressivo, grande resistenza, non ha mai fatto il definitivo salto di qualità e spera di farlo a breve. Passaporto italiano, il Genoa chiede 15 milioni: troppi, considerando che il Napoli conta di spenderne una decina, se costretto a "ripiegare" su un profilo non internazionale in quel ruolo. Ha il contratto in scadenza nel 2018: il prezzo può calare, ma il club azzurro non vuol fare scorrettezze al Genoa, con cui ha buoni rapporti. Situazione da seguire. Sullo sfondo Silvan Widmer, occasione da circa 10 milioni per la fascia destra. Dopo tanti anni ad Udine, con un'offerta ufficiale può andare altrove anche a stagione in corso.

IDEE STRANIERE - In Portogallo gioca Diogo Dalot, già in passato studiato da Napoli e Juventus, che si sono fermati dinanzi a richieste vicine ai 15 milioni. Ora ne vale quasi 30. Diciottenne dal sicuro avvenire, può giostrare su entrambe le fasce come Vrsaljko, tuttavia è alla sua prima stagione da titolare ed ha bisogno di crescere. Terreno sondato col suo agente, viene monitorato. Come non si perde di vista Jonny Castro, anche se il Napoli non intende pagare la clausola da 18 milioni. Prima dell'infortunio di Ghoulam e la necessità di comprare a gennaio, si seguivano i progressi di Pablo Maffeo, terzino destro del Girona che incuriosiva nell'ottica di un cambio generazionale con Christian Maggio, che andrà via a parametro zero a giugno. Di proprietà del Manchester City, l'idea era quella di farlo rientrare, eventualmente, in qualche trattativa più allargata in estate. Discreto marcatore, buona tecnica, è apprezzato per l'applicazione nella doppia fase, una dote già mostrata con Pep Guardiola nel debutto contro la Steaua ad agosto 2016 e in EFL Cup contro lo United. Le relazioni parlano di un suo miglioramento nel giro-palla e in termini di personalità. Piace anche al Valencia. Nella prova di andata di Champions League, non è dispiaciuto l'olandese Ridgeciano Haps del Feyenoord, che però sogna la Premier League. Quanto ad Arthur Masuaku del West Ham, è stato proposto e non cercato. Il Napoli preferisce profili più pronti: il franco-congolese ha giocato tre sole partite per intero in questo inizio di stagione, senza dimenticare che un infortunio al ginocchio lo ha tenuto fermo da settembre a febbraio scorsi, con ritorno in campo a fine marzo.

Potrebbe interessarti
Seguici su Facebook per commentare le notizie